Fin da piccola sognavo che da grande avrei fatto qualcosa di importante per il mondo!

A 19 anni ho fatto un patto con me stessa.

Il Network Marketing allora non sapevo nemmeno di cosa si trattasse.

Era un patto molto semplice composto da 5 regole.

Le ho sempre rispettate e credo che ciò che è accaduto in seguito nella mia vita sia dovuto proprio a quella promessa.

La mia Vita. 

Classe ’81.

A 19 anni ho seguito il richiamo dell’indipendenza e ho lasciato il nido. La Brianza mi stava stretta così ho trasferito le mie poche cose in un appartamento con 2 ragazze nel centro di Milano. Via Benedetto Marcello, l’inizio della mia indipendenza. Sacrifici, divertimento e tanta sperimentazione sono stati i miei maestri di allora. Oggi riconosco essere le mie fondamenta, la mia resilienza, il mio carattere.

Quello è stato il tempo in cui stavo imparando ad essere la donna che sono oggi. Oggi, sto affilando la lama

Il patto con me stessa era fare sempre ciò che amavo rispettando poche semplici regole:

  1. Lavorare con passione e amore
  2. Trattare gli altri come vorresti essere trattata
  3. Fare esperienza
  4. Essere di parola
  5. Coerenza sempre! I soldi non sono tutto.

Mi sono innamorata del mondo degli eventi come una quindicenne alle prime cotte. Lavoravo 29 giorni su 30. Ogni occasione era buona per imparare più che potevo. 

Poi sono arrivate le stagioni nei villaggi e il teatro.

La costante nella mia vita sono le Relazioni

Ci sono stati momenti duri. Periodi dove 3 lavori coprivano giusto le spese. Non c’era spazio per dare retta ai sogni, dovevo lavorare con intensità. Le cose poi arriveranno, mi dicevo.
Un colloquio con un’azienda importante ha illuminato l’inizio di una nuova esperienza. Finalmente avevo un contratto: a tempo determinato ma pur sempre un contratto. Provengo anche io da quella scuola: studia, trova un buon lavoro e metti su casa.
Per fortuna il mondo sta piano piano uscendo da questa illusione.
Dopo pochi anni correvo già in cerchio, persa in un labirinto di automatismi dove la mia energia serviva a realizzare gli obiettivi di altri più che i miei sogni.

Sono grata a quegli anni perchè togliendomi molto, mi hanno insegnato tutto.

Immersa totalmente nel lavoro, tanto da non rendermi conto di quanto tempo stavo togliendo alla mia vita privata e alla mia salute, è stato il mio corpo a farmi virare: urlava attenzione.
In quel momento mia madre mi venne in soccorso con Forever Living e la sua Aloe. Ero troppo impegnata per valutare l’opportunità di cambiamento offerta dal Network Marketing ma i prodotti mi avevano convinta subito aiutandomi ad abbassare quella barriera di diffidenza comune a molti.

Per compiacerla accettai di partecipare a un incontro informativo sull’opportunità lavorativa. Arrivai convinta di scovare tutti gli svantaggi di quel business, certa di cogliere quelle sfumature che mia madre non aveva percepito.

Quando pensi di sapere tutto, alla fine non sai niente

Ho finito per portarmi a casa molti spunti di riflessione su quella che era la mia situazione lavorativa e soprattutto il futuro a cui stavo andando incontro.

Ancora oggi dopo 5 anni, mi capita di scusarmi con mia madre per aver dubitato di lei, pensando che si fosse fatta raggirare da una realtà frivola.

Estate del 2013. Nell’unica settimana di ferie, distesa sul lettino dello stabilimento balneare che frequentavo fin da bambina è accaduto qualcosa. Carica delle riflessioni sulla mia vita professionale vedevo sempre più remota la possibilità di raggiungere quella felicità chiamata realizzazione personale. Volevo una famiglia, dei figli ma con quell’incertezza e il poco tempo a disposizione mi sembrava davvero impossibile.

La difficoltà più grande è stata proprio riconoscere che ciò che prima sembrava il raggiungimento di un traguardo tanto ambito, non mi nutriva più.

Mi faceva male.

Pensavo avrei fatto quello tutta la vita e avevo investito lì tutte le mie risorse e i miei obiettivi. Ero in bilico tra il desiderio di cambiare, di fare qualcosa, di agire e la paura di sbagliare. Entrambe le strade mi sembravano piene di pro e al contempo di contro. 

A febbraio 2014 il licenziamento ha deciso per me. Col senno del poi è stato il dono più prezioso che potessi ricevere. Con le spalle al muro e tanta voglia di rivalsa ho alzato la testa e tra le prime occasioni è riapparsa l’opportunità offerta da Forever. 

Da quel momento in poi, sarei stata io la sola responsabile della mia vita e del mio futuro.

Accettai la sfida del Network Marketing. Avevo bisogno di ripartire da me, di ritrovare la mia forza e riconoscere le mie abilità. 

Stava riemergendo quell’Alessia vitale ed esplosiva. Tutto questo arrivava forte e chiaro alle persone che incontravo.

Per la prima volta nella mia vita mi sentivo d’esempio

Ecco qui il mio “perché”, quello che accende ancora il mio entusiasmo dopo 7 anni di attività: essere utile.

Ricordate la frase dell’inizio? 

Ogni giorno nel mondo milioni di persone si incontrano per la prima volta con uno scopo semplice: capire come essersi utili a vicenda.

Lo faccio anche io. 

Ogni giorno incontro persone che stanno cercando di cambiare la loro vita in meglio.

La cosa bella è che quelle chiacchierate si trasformano in cambiamenti e tutto nasce sempre parlando davanti a un caffè.

Ora tocca a te…

Scrivimi, parliamo di cambiamenti importanti e soprattutto di come possiamo renderli reali lavorando insieme grazie al Network Marketing